giovedì 10 maggio 2018

Quando giocare aiuta a sviluppare le competenze!

Oggi vi voglio proporre un intervista a Gianluca Daffi, docente universitario di Psicologia specializzato nella definizione di metodologie di tutoring in casi di ADHD, e nell’aggiornamento dei docenti in materia di BES. 
Lo scorso anno Gianluca ha pubblicato 4 giochi da tavolo con il le Edizioni  Erickson. Durante Play ho potuto vedere e provare questi giochi e mi ha incuriosito come sono strutturati questi 4 giochi.

EL: Ciao Gianluca, come è nata l’idea di pubblicare una serie di giochi da tavolo per per i bimbi della materna e dei primi anni delle elementari?

Gianluca: Circa 5-6 anni fa ho iniziato con il progetto “Giocare per Crescere” in alcune scuole dell’infanzia di Verbania. Il progetto nasceva per lavorare assieme ai bambini con difficoltà di autocontrollo e di attenzione. 
Il progetto utilizzava giochi esistenti, come fantascatti o dobble, opportunamenti adattati e spiegati ai bambini. L’esperienza era piaciuta tantissimo alle maestre degli asili e quindi abbiamo scelto di estendere il progetto e di fare una mostra sul progetto aperta nel periodo estivo per permettere a chiunque di conoscere questo progetto e come utilizzare nelle classi i giochi.
A questo punto ci siamo resi conto di poter costruire dei giochi ad-hoc per il nostro progetto che utilizzassero una singola meccanica di gioco, avessero al massimo due regole e che permettessero di lavorare su delle funzioni esecutive.


EL: Un percorso molto interessante Gianluca, devi scusare la mia ignoranza ma cosa intendi per funzioni esecutive?

Gianluca: (nda, provo a spiegarlo ma se puoi scrivere tu una risposta sarebbe più bello) Ciascuno di noi ha nel suo cervello una sorta di gnometti che regolano il suo modo di agire. Questi gnometti sono le funzioni esecutive. Le funzioni esecutive iniziano a svilupparsi molto presto, Già Nel bambino possiamo vederne sufficientemente bene in azione alcune: l’autoregolazione emotiva, l’inibizione della risposta, la memoria di lavoro, l’attenzione focalizzata, la pianificazione e la flessibilità. Le puoi capire meglio con questa figura:

© centro studi erikson


Nei giochi che ho sviluppato cerco di fare in modo di lavorare su una o più funzioni esecutive. L’idea è quella di utilizzare il gioco per aiutare il bambino a migliorare/potenziare alcune di queste funzioni. E questo funziona non soltanto per i bambini che hanno alcune difficoltà!

EL: Bello! ma quindi come hai fatto a sviluppare questi giochi? da dove hai preso le idee? e come li hai “playtestati”?

Gianluca: La maggior parte dei giochi è nata a casa con i miei figli: ad esempio “C’era un pirata…“ era uno dei giochi che facevo con i miei bimbi quando rientravo a casa. Durante la fase di sviluppo, abbiamo dovuto strutturare il gioco con dei materiali in modo da poterlo proporre alle insegnanti ed ai bambini. Una volta creati i giochi li abbiamo utilizzati ed affinati nelle classi dove il progetto era attivo. Pensa che oggi il progetto è presente in oltre 50 scuole tra Piemonte, Lombardia, Toscana e Lazio.

EL: Complimenti! Ma cos’altro bolle in pentola?

Gianluca: Beh a breve si terrà il secondo anno del corso di Game Trainer 

EL: Corso di Game Trainer? di cosa si tratta, potrebbe interessarmi!

Gianluca: Visto la crescente richiesta dell’utilizzo del gioco come strumento nelle scuole, biblioteche  Ho pensato di istituire una nuova figura professionale: il Game Trainer. Lo scorso anno hanno aderito 58 persone ed ho quindi pensato di riproporlo.
Il Game Trainer è una figura che ha le competenze per individuare un percorso di potenziamento attraverso il gioco. Il Game Trainer viene preparato sia dal punto di vista della comprensione delle principali funzioni esecutive, sia nella conoscenza dei giochi da tavolo che possono essere utilizzate per svilupparle.
Quest’anno ci aspettiamo ancora più persone!

EL: Gianluca stai facendo un grandissimo lavoro! Far entrare i giochi da tavola nell’istituzione permette di far capire alle famiglie ed alla nostra società che giocare è un’attività importantissima che permette di potenziare competenze divertendosi. Inoltre permette di unire generazioni in un momento piacevole dove ci si conosce sempre di più.
Ti ringrazio ancora per il tempo che mi hai dedicato e spero di poterci incontrare presto!

Gianluca: Grazie anche a te di esserti interessato a questo progetto!   

Qui sotto trovate alcune informazioni per approfondire la linea di giochi sviluppata da Gianluca Daffi ed informazioni riguardanti il corso di Game Trainer




Nessun commento:

Posta un commento