sabato 20 agosto 2016

DinUovo... alla scoperta del giurassico! Creativamente

Questa settimana vi parliamo di DinUovo, un simpatico gioco distribuito da Creativamente che ce ne ha fornito un copia per provarlo su strada. Ho affidato la missione ad Antonio Zarcone, l'insegnante di religione di palermo che ho intervistato qualche mese fa! Eccovi la sua recensione!

A qualche mese dal lancio del film Jurassic World, che ha avuto un forte eco non solo per grandi ma anche per piccini nell’omonima serie Lego, Creativamente ha presentato al Festival Play! di Modena DinUovo, fornendocene una copia in anteprima in vista del prossimo Premio dell’anno 2016. Dopo qualche settimana abbiamo avuto modo di provarlo con le sue venticinque carte illustrate alla scoperta della valle incantata dove vivevano i dinosauri. Il gioco tenta di accompagnare genitori e figli, insegnanti e alunni, alla scoperta del giurassico con la consulenza del paleontologo Cristiano Dal Sasso, riuscendo a farci fare un vero e proprio salto indietro nel tempo. Scopriamo insieme il perché! 
In DinUovo da due a quattro giocatori si trasformano in veri e propri dinosauri per sancire chi sarà il più forte di tutta la preistoria. Il gioco è organizzato in due fasi: la cova delle uova e  la battaglia dei dinosauri. All’inizio della partita il tabellone di gioco si ritrova ad essere "fossilizzato" in un reticolo quadrato di 16-25 carte, costituito dalle uova dei principali dinosauri del giurassico. 




Nella prima fase di gioco, ciascun giocatore cerca di accaparrarsi il maggior numero di uova in una serie di round scanditi dal movimento della brachiofreccia. Quando tutte le uova sono state assegnate, iniziano a schiudersi ed i giocatori acquisiscono i propri dinosauri. Ora, con le schiere dei propri rettili pronti al combattimento, inizia una lotta fino all’ultimo sangue per determinare quale dinosauro sopravviverà!
Il giocatore di turno sceglie il proprio campione ed indica un avversario. Quando i due dinosauri sono schierati si gira nuovamente la brachiofreccia che può indicare quale caratteristica confrontare: corporatura, agilità, comportamento, intelligenza, armi di difesa/offesa. Chi ha il numero più alto vince. In caso di parità i giocatori dovranno rispondere correttamente ad una serie di domande.
Tuttavia la brachiofreccia può anche fermarsi sul risultato evento. A questo punto si gira la carta evento che rappresentano eventi storicamente accaduti come cadute di asteroidi, carestie, carenza di acqua, piante velenose, virus, frane, innalzamento del livello dei mari e surriscaldamento del pianeta. Questo rende incerta la partita fino all’ultimo round. 

Meccaniche
  • Gestione Carte 
  • Scelte strategiche
  • Conoscenza della storia
Aspetti educativi
Nella prima fase la meccanica principale del gioco è la scelta delle carte attraverso la quale acquisirà i propri dinosauri. Nella fase successiva, invece, dovrà prevalere sugli altri giocatori effettuando scelte strategiche su quale dinosauro mandare in avanscoperta per indebolire gli avversari e provare a guadagnare un certo vantaggio. 
La conoscenza della storia permetterà di aggiudicarsi o meno alcuni scontri. Il gioco inoltre stimola capacità di intuito e problem solving.
Le carte evento conducono il bambino a comprendere che non sempre vince il più grande o il più forte dei dinosauri, ma chi è meglio riuscito a fronteggiare il corso degli eventi. La battaglia è sempre contro la sopravvivenza ed il primo grande sfidante è la storia con tutti i suoi accadimenti. Da questo punto di vista DinUovo ci insegna la prima grande legge: la natura. 



Età consigliate
Questo gioco è adatto a bambini dai 6 anni in su. Sono infatti richieste  non solo capacità di calcolo per le sfide nei 5 diversi indicatori, ma anche capacità di lettura e comprensione delle domande e degli eventi al fine di poter superare le diverse sfide.
Per le sue dinamiche lo consigliamo ai bambini delle elementari. 

Consigli ai Genitori
Se giocate a DinUovo con bambini degli ultimi anni delle elementari il gioco diventa molto stimolante quando aumentano le occorrenze di eventi e domande. Potete sfruttate queste domande per trarne fuori quella storia che è maestra di vita. 
Con i bimbi dei primi anni delle elementari, vi consigliamo invece di lasciarli divertire come so fosse uno scontro fra titani nell’attesa che sopravviva il più forte.  

Titolo DinUovo
Autore Marco Ippolito - Emanuele Pessi 
Editore/Distributore    Creativamente
Numero di giocatori 2-4
Durata 30-45 minuti
Età 6-99
Prezzo 20€

Link e Download

giovedì 11 agosto 2016

Pozioni Esplosive... attenti a come maneggiate gli ingredienti! - Horrible Games

Questa settima parliamo di Pozioni Esplosive, un divertente gioco tridimensionale per famiglie che ha spopolato durante l'edizione 2016 di PLAY!, la fiera italiana del gioco da tavola!
In pozioni esplosive da 2 a 4 giocatori si sfidano per superare gli esami finali all'accademia di stregoneria Horribilum!
Vi ricordate nei vari episodi di Harry Potter quando bisognava riuscire a creare potenti pozioni magiche? Ecco in questo gioco vi troverete esattamente nella stessa condizione. 
Il Gioco è molto semplice. Al centro del tavolo viene piazzato il dispenser che contiene gli ingredienti a disposizione di tutti i giocatori. Esistono 4 diversi ingredienti rappresentati da delle biglie colorate. Ogni giocatore ha un Banco di lavoro che può contenere due pozioni sulle quali lavorare ed un alambicco per contenere gli ingredienti inutilizzati. 


      
Ecco un Banco da Lavoro con le due Pozioni! 

mercoledì 3 agosto 2016

Festa Internazionale degli Gnomi 2016

Per molti inizia il tempo delle vacanze, ma purtroppo anche quest'anno avrò un agosto lavorativo ma sono riuscito a ricarvarmi un paio di giorni per passare un po di tempo con mia moglie e mia figlia in un clima festoso! Qualche mese fa un amica di mia moglie ci ha consigliato di andare alla Festa Internazionale degli Gnomi giunta alla sua 13esima edizione che si è tenuta a Roccaraso, in Abruzzo. Mia moglie è originaria di quelle parti ed abbiamo quindi deciso di anticipare la loro partenza di qualche giorno ed andare tutti e tre a visitare questa festa. 
Siamo arrivati alla festa sabato pomeriggio dopo un lungo viaggio dalla Lombardia all'Abruzzo comprensivo di una sosta pisolante a casa della suocera.
Appena arrivati a Roccaraso abbiamo abbandonato la macchina nel posteggio del palaghiaccio e siamo saliti sulla prima navetta con destinazione "Festa Internazionale degli Gnomi". Non era possibile arrivare fino alla location in auto perché c'era uno spiazzo molto piccolo e per evitare code interminabili l'organizzazione aveva deciso di mettere a disposizione alcune navette che da Roccaraso arrivavano in bellissimo bosco.



Appena arrivati sugli altipiani maggiori si è subito capito che l'ambientazione era perfetta. Uno spiazzo verde si insinuava nella foresta. Sullo spiazzo si trovavano parecchi gazebo/tenda creati su misura in stile medievale. C'erano anche due palchi sui quali si succedevano gli artisti; una zona con delle bancarelle; uno spazio con dei giochi artigianali; l'albero dei desideri; un sentiero/teatro ricavato nel bosco delle meraviglie e tanto altro.



Il primo giorno siamo riusciti a vedere uno spettacolo al teatro degli gnomi, a precipitarci nel sentiero delle meraviglie dove ci ha accolto un gnomo ed abbiamo conosciuto un elfo che faceva invidia alla melevisione, e a partecipare allo spettacolo notturno nel bosco!
Il secondo giorno abbiamo invece esplorato i laboratori e gli stand. Guarda l'album Fotografico per scoprire come La Festa Internazionale degli Gnomi!

Sono stati due giorni bellissimi, la festa pone una particolare attenzione all'ambientazione proiettando il bambino in un ambiente fantastico! Faccio fatica a stimare la quantità di famiglie che ci hanno partecipato!

Se volete partecipare l'anno prossimo dovete sintonizzarvi su questo link: http://www.festadeglignomi.it/
I consigli che posso darvi sono: 

  • portatevi un telo per sedervi;
  • portatevi un cappellino proteggere dal sole i vostri figli;
  • portate un maglioncino se pensate di fare gli eventi serali;
  • abbiate pazienza con le navette, è la soluzione migliore per raggiungere la location, putroppo con tanta gente ci vuole un po per arrivare agli altopiani maggiori
  • portatevi dietro da mangiare, le code per il cibo sono lunghe.
  • godetevi gli spettacoli e la magia della Festa Internazionale degli Gnomi!!!







  

lunedì 25 luglio 2016

[Anteprima] Allenamente... un libro per scoprire come far funzionare gli ingranaggi della mente! - Editoriale Scienza

Qualche giorno fa ho ricevuto un interessante libro scritto da Carlo Carzan e Sonia Scalco. Inizialmente pensavo di studiarmelo durante il periodo estivo, ma quando l'ho avuto in mano ho pensato di fare una rapida preview perché credo proprio che potrebbe essere un libro da acquistare e portarsi dietro durante queste vacanze estive , specialmente se avete bambini che frequentano le Elementari e le Medie.
Vi parlo di AllenaMente. Un libro edito da Editoriale Scienza (gruppo Giunti editore) che si pone l'obiettivo di spiegare come funziona il cervello, come farlo funzionare meglio e soprattutto come allenarlo per mantenerlo sempre in forma.


martedì 19 luglio 2016

Leo va dal barbiere... ma deve stare attento a non perdersi in mille chiacchere! - DV Games

Sono veramente felice nel parlarvi di "Leo va dal Barbiere", candidato per uno dei premi più importanti nel mondo dei giochi da tavolo per bambini: il Kinderspiel des Jahres. Da quando scrivo Educere Ludendo ho iniziato a seguire questo premio ed ho notato che tanti giochi che sono candidati a questo premio o che lo hanno vinto, sono veramente eccezionali con i bambini.
Quando ho visto che tra i titoli candidati c'era un gioco di Leo Colovini ero veramente entusiasta. Ho subito chiesto alla DV Games per sapere se erano interessati ad una recensione su Educere Ludendo e dopo qualche settimana ho ricevuto una copia in anteprima. 
La mattina della premiazione avevo tra le mani la copia del gioco. Non capivo nulla era tutto in tedesco e c'era un personaggio strano con una parrucca da leone che poi ho scoperto essere l'autore. Non avevo ancora avuto la possibilità di provare il gioco ma come ogni bravo italiano ero li, tifavo Italia, tifavo Leo e tifavo i giochi cooperativi. Devo essere sincero mi è scesa una lacrimuccia quando hanno annunciato che il vincitore era Stone Age Junior. Per me era come perdere la finale degli europei. Qualche giorno dopo ho finalmente avuto tempo di provarlo, prima a casa con mia figlia e poi in un evento con diversi bambini e famiglie. Il gioco mi è proprio piaciuto e mi ha particolarmente convinto. Scopriamo assieme perché!




Un tipico setup per giocare a Leo! potete posizionare le tessere del percorso come preferite, in basso vedete scoperte le carte, leo con la sua criniera, a sinistra la sveglia, ed in alto la scimmietta barbiere!

Nome in codice vince lo Spiel des Jahres 2016

È notizia di poche ore fa: Nome in Codice vince lo Spiel des Jahres 2016 diventando il gioco dell'anno nella categoria famiglia.
Distribuito in Italia da Cranio Crations, il gioco ha spiazzato i concorrenti e si appresta a diventare il sostituto di giochi storici come taboo e saltinmente.
Nome in Codice è un gioco di parole a squadre con una durata della  partita che si aggira sui 20 minuti permettendo più sfide in ogni serata.
Se volete scoprire come si gioca a Nome in Codice leggete la nostra recensione...


martedì 12 luglio 2016

Raccontami una storia - che la fiaba abbia inizio!

Sarà che ho conosciuto Gabriele lo scorso anno quando feci un breve articolo della sua esperienza di utilizzo dei giochi in scatola nelle carceri e che è tra i fondatori dell'idea di costruire una rete per la diffusione del gioco educativo in italia... ma avevo sentito parlare di Raccontami una Storia  da qualche mese e dopo aver letto il regolamento e chiacchierato con l'autore non ho resistito a chiedere una copia dimostrativa alla Pendragon Games Studio per scriverne una recensione.
In Raccontami una Storia i giocatori devono provare a costruire una favola di fantasia guidati da un canovaccio composto da 15 carte. 
Ad ogni turno il narratore dovrà girare una carta narratore, leggerla e scoprire quale pezzo di storia è stato svelato e quali carte storia dovranno essere giocate. Tutti gli altri giocatori devono giocare una carta storia coperta. A questo punto, il narratore mischia le carte e sceglie quella che è più adatta per fare evolvere quella storia. Chi ha giocato quella carta riceve un gettone premio che può valere da 1 a 3 punti. Chi alla fine della partita ha collezionato più punti vince la partita!